Open/Close Menu
XIII edizione del festival Roma - Ognuno ma proprio ognuno è il centro del mondo

Serata: Percorsi

Francesco Piccolo

nasce a Caserta nel 1964. Si laurea in Lettere Moderne con una tesi dal titolo Le teorie comiche nel teatro del Settecento. Trasferitosi a Roma partecipa alla fondazione della casa editrice Minimum Fax e comincia a scrivere per il Manifesto e per Diario. Nel 1993 invia il proprio manoscritto dal titolo Diario di uno scrittore senza talento al Premio Calvino, posizionandosi tra i finalisti. Nel 1994 pubblica con Minimum Fax il saggio Scrivere è un tic. I metodi degli scrittori e nel 1996 con Feltrinelli  Storie di primogeniti e figli unici una raccolta di racconti (ripubblicata con un’introduzione inedita nel 2012 da Einaudi) con cui vince il Premio Giuseppe Berto e il Premio Piero Chiara. Nel 1998 pubblica E se c’ero, dormivo e, due anni dopo,  Il tempo imperfetto, entrambi editi da Feltrinelli. Poi Allegro occidentale (Feltrinelli, 2003) e nel 2007 il saggio L’Italia spensierata per la collana Contromano di Laterza, un viaggio in cinque tappe nell’Italia del divertimento di massa. Nel 2008 pubblica con Einaudi La separazione del maschio e, nel 2010, Momenti di trascurabile felicità (Einaudi), un sorta di mappatura delle piccole gioie della vita quotidiana, da cui il regista Valerio Aprea ha tratto l’omonimo spettacolo teatrale in collaborazione con lo stesso Piccolo. Il 2013 è l’anno de Il desiderio di essere come tutti (Einaudi) con cui vince il Premio Strega 2014. Nel 2015, dopo il successo di Momenti di trascurabile felicità, torna a raccontare l’allegria degli istanti di cui la vita è composta con Momenti di trascurabile infelicità (Einaudi) anche qui  un piccolo catalogo di quotidiani imbarazzi, fastidi, pezzi di vita stonati e pensieri che è capitato a tutti di pensare. Francesco Piccolo è anche un importante sceneggiatore e scrive per il cinema. Tra le recenti sceneggiature che ha firmato si ricordano quelle per Caos calmo, 2008; La prima cosa bella, 2010; Habemus papam, e Gli sfiorati, entrambi del 2011; Il capitale umano, 2013 e Mia madre, 2015. E’ inoltre autore di programmi televisivi di successo e cura il laboratorio di sceneggiatura al Dams dell’Università di Roma tre.

Bibliografia

Scrivere è un tic: i segreti degli scrittori, minimum fax, 1994

Storie di primogeniti e figli unici, Einaudi, 1996

E se c’ero, dormivo, Feltrinelli, 1998

Il tempo imperfetto, Feltrinelli, 2000

Allegro occidentale, Feltrinelli, 2003

L’Italia spensierata, Laterza, 2007

La separazione del maschio, Einaudi, 2008

Momenti di trascurabile felicità, Einaudi, 2010

Il desiderio di essere come tutti, Einaudi, 2013

Figuracce, Einaudi, 2014

Momenti di trascurabile infelicità, Einaudi, 2015

 

© 2015 LETTERATURE.Festival Internazionale di Roma
Top